Animation 2.0

Reduci dal Party di Halloween, questa settimana abbiamo capito che una cosa che si muove non sempre può essere definita animata. Dare anima ad un personaggio è frutto di un’attenta pianificazione, lavoro di pose, timing e svariate ore di gestione per rendere tutto armonico. Semplice è meglio, abbiamo più tempo per curare i dettagli e non rischiamo di confondere il nostro spettatore con troppe cose in poco tempo. Bravi tutti, dal primo giorno in cui il personaggio sembrava posseduto avete fatto passi da gigante e avete maggior consapevolezza di cosa renda un’animazione degna di tale nome.

%d bloggers like this: