Master CG 22 – Tesi week 4

Le parole chiave di questa settimana sono “Illuminazione” e “materiali”.
In questi giorni per entrambe le storie, ci siamo buttati a capofitto nella scelta delle luci nelle scene, e nell’applicazione delle texture.

Con l’utilizzo di Renderman , nientepopodimeno che il motore di render della Pixar stiamo realizzando dei materiali che siano il più fotorealistici possibile.
Il livello di attenzione deve continuare ad essere maniacale e per questo i ragazzi del reparto di shading e lighting si confrontano costantemente in review.
Come in ogni avventura non sono mancate le difficoltà, a partire dalla scelta delle texture, perché ora più che mai sappiamo che il dettaglio fa la differenza.

Abbiamo studiato due sistemi di illuminazione completamente differenti per le singole storie:
HDR per poter integrare oggetti 3D nelle riprese reali, quindi tantissime fotografie che con le loro informazione di colore, ci permettono di illuminare correttamente la scena, e verranno utilizzate in Maya.

E Daylight System di Render Man, per la storia in full cg, con simulazione di illuminazioni reali.
Il più grande ostacolo da aggirare lo si trova nel renderizzare nel minor tempo con la massima qualità, e quindi utilizzare modelli che non abbiano un’infinità di poligoni ma che nello stesso tempo mantengano il dettaglio.

In tutto ciò continua la sperimentazione dell’Htc Vive, che ci è stato fornito dai ragazzi di Stormborn.
Perché il Vive è così speciale?
Perché con questa tecnologia il regista è immerso in prima persona nell’ambientazione 3D e grazie al sistema che abbiamo sviluppato, può per la prima volta posizionare le camere come se fosse fisicamente nella scena.

Il prossimo passo importante sarà lanciare i render definitivi che verranno poi utilizzati nel compositing.
Che la tecnologia ci assista!