MASTER ART: Prop Design

In Master Art XI
Scroll this

Un Concept Artist non è solo un buon disegnatore.
Il suo occhio cattura riferimenti visivi e la sua mente rielabora quei dati traducendoli in idee e successivamente in immagini. E lo fa in ogni istante della sua vita: mentre legge un libro, mentre guarda un film, mentre mangia un panino o mentre è fuori al parco con gli amici.
Il suo vero compito è ideare (prima) e dare forma a quell’idea (poi).

Inventare qualcosa può sembrare una passeggiata.
Ma quando ti trovi di fronte un foglio bianco e la matita in mano la tua mente si svuota completamente. Anche se sei un artista.

La settimana di Prop design per i ragazzi di Concept Art è più o meno così.

Nel nostro caso però il foglio bianco è sostituito da uno tavoletta grafica.

Con schermo.

Larga 27 pollici.

Wacom.

Il primo giorno ti sembra quasi impossibile pensare che la tua mente possa arrivare a creare qualcosa dal nulla… La prima cosa che fai è scrollare milioni di reference su Google aspettando che la lampadina si accenda.

Il secondo giorno inizi a scarabocchiare cose a caso in cerca di una shape che ti soddisfi, che sia tridimensionale, che abbia una forma interessante e vagamente simile a quello che hai in mente o che ne possa rispecchiare le caratteristiche. Poi capisci che devi mettere un freno alle idee se no non vai da nessuna parte.

Il terzo giorno sei già più concentrato. Hai scelto la shape e quindi non ti resta che studiarne volumi e forme, caratterizzando il più possibile il tuo prop e riempiendolo di dettagli.

Il quarto giorno hai già creato il tuo prop. Ha una storia, delle specifiche tecniche da rispettare, un suo modo di essere utilizzato e una sua utilità. Ora è un oggetto a tutti gli effetti ma gli manca ancora qualcosa.

Il colore.

E quindi inizi a fare prove colore come se non ci fosse un domani. Accostamenti di ogni tipo, dai più disparati a quelli classici ed armoniosi, fino ad arrivare a quelli un po più estremi e kitsch.

Ed è così che, spiegata in poche righe, si è svolta la settimana di Prop Design… Non un unico disegno figo, ma una vera e propria serie di tavole costruttive.

Anche se poi il disegno figo va fatto…

Per presentare meglio il lavoro.