Master CG 23 – BigMovements

Scroll this

Il corpo umano è incredibile.
Un insieme di ossa e muscoli, sinapsi e recettori, linee dinamiche e punti ventrali.

Ogni movimento ha uno scopo. E si potrebbe scomporre in centinaia di micro movimenti.

Questa settimana il Master CG 23 ha affrontato il rig.
Il rig è forse la fase più oscura di tutta una “pipeline” di produzione. Non ne conosce l’esistenza quasi nessuno. Ma è un anello fondamentale della catena. È l’arte di inserire e gestire i controlli per l’animazione di un personaggio.

In sostanza mettiamo le ossa al character.

Ma la posizione di un joint, la distanza degli IKHandle, le rotazioni, le giunture… non è tutto a caso. Bisogna avere consapevolezza nel fare un rig, una consapevolezza che può arrivare solamente da un unico riferimento. Noi.

Per questo negli scorsi due giorni, i ragazzi del Master hanno fatto un’esperienza che non si sarebbero mai aspettati.

Hanno fatto danza.

O meglio, hanno fatto due giorni di tecniche per la scoperta del corpo, propedeutiche alla danza.

In compagnia di Anna, danzatrice contemporanea professionista, i ragazzi hanno sperimentato diversi esercizi per prendere consapevolezza del proprio corpo. Hanno imparato le catene cinetiche che legano gli arti, come si sviluppano le forze sui vari punti del corpo, come si controlla e si sposta il baricentro.

Il tutto a tempo di musica. Spesso a contatto con il pavimento.
Un nuovo modo di sentire e percepire i muscoli e le ossa.

È da cose che non avreste mai pensato di fare che scoprirete strade nuove ed inaspettate.