THE BIGBLOG 24 – COMPOSITING

Per un artista non è mai facile capire quando è arrivato il momento di fermarsi.

C’è sempre un dettaglio da migliorare, qualcosa da sistemare… in un circolo vizioso che per molti nerd diventa una malattia vera e propria.
… e non c’è cura.
Bam.

In questo lavoro ci sono vari tipi di “malati”. E si valutano con il grado di anti-socialità che uno o l’altro riescono a esprimere.
Pensate ad un animatore… raggiungere la perfezione per lui significa provare e riprovare un movimento all’infinito e oltre, finché quel movimento diventerà il suo unico modo di comunicare… per mesi.

Per il compositor, comp per gli amici, questa ricerca della perfezione è paragonabile a creare il miglior gioco di prestigio della storia.
Perchè se il compositor avrà raggiunto la perfezione, voi non noterete nulla del suo lavoro.
Vera magia.
L’integrazione di un oggetto realistico realizzato completamente in 3D è l’arte più sottile di tutte. Si devono padroneggiare vari software: Mudbox, Maya, Match Mover per il tracking, Photoshop per Uv, HDR e infine uno per il compositing finale, noi usiamo After Effects.
Compositare è quindi unire i vari livelli di render in uno. Ognuno con i suoi metodi di fusione. Si deve poi integrare il tutto nella ripresa… e fare la magia del “puf non lo vedi più”.

Divisi in gruppi, i ragazzi del master CG 24 hanno creato degli shot in compositing. Hanno studiato immagini di references, si sono cimentati nelle riprese e hanno sfruttato la sfera HDR (la palla riflettente).

Questa sfera va posizionata nel punto esatto in cui andrà inserito l’oggetto modellato, vanno fatti 4 – 5 scatti ogni volta con le diverse esposizioni ed è indispensabile per lo shading del modello e fondamentale per la veridicità di riflessi e luci.

In Maya creiamo diversi livelli, che ci consentono di “controllare” meglio il compositing finale.
È la fase cinese della pipeline. Bisogna fare si che ogni “pass” rispetti determinate caratteristiche, che non si includano materiali strani, che ci siano tutte le luci o l’HDR eccetera…. molto delicata.

Di nuovo, ricerca della perfezione. Ombre perfette, riflessi perfetti, diventano sempre più familiari termini come Specular, Diffuse, Refraction, Reflection, Ambient Occlusion…
Se qualcuno che conoscete si mette a nominare queste cose nella vita reale… sapete che è un compositor.

I render vengono poi inseriti in after effects… e si compie il trucco. Tutto sembra reale, tutto sembra lì. Pazzesco.


06

https://www.youtube.com/watch?v=k-J9MzZrWNY
https://www.youtube.com/watch?v=v9CCtM-eFsY
https://www.youtube.com/watch?v=PTnv7oe35f8