Artisti a piede libero

In Master Art XI
Scroll this

Cosa fa un Concept Artist quando è stanco di stare chino sulla sua Cintiq?

Esce a prendere una boccata d’aria.

Magari in giro per Venezia.

Magari con il suo iPad Pro.

E ovviamente una Apple Pencil compatibile.

Ed è esattamente quello che è successo mercoledì.
Ritrovo ore 9.30 super puntualissimi in stazione, pronti per partire alla volta della città sull’acqua.
Pochi ritardi (sia da parte dei ragazzi ma sopratutto da parte dei treni… non è scontato).

Sacca blu con logo bianco, iPad, cappellino, scarpe comode e siamo pronti a partire.

Passeggiamo per le strette vie veneziane, ci fermiamo ad ammirare i canali, ci addentriamo in posti che non conoscevamo ancora, raccogliamo immagini, con gli occhi e anche con gli smartphone.

Cerchiamo un posto in cui sederci (rigorosamente all’ombra… il sole ci sta uccidendo) ed iniziamo a disegnare.

Poi ci alziamo (o ci cacciano) e ricominciamo da capo.
Nuove viste, nuove immagini, nuovi posti in cui riposarci e rilassarci facendo quello che ci piace di più.

Perchè si sa, un Concept Artist non fa mai pause.

Neanche quando è in gita.

Neanche se fuori piove o, come in questo caso, ci sono 35 gradi.

Una scusa in più per sgranchirsi le gambe, rifarsi gli occhi, prendere un po di aria (ci piacerebbe dire fresca ma mentiremmo), stare in compagnia, per trovare ispirazione e rimanere affascinati da scorci urbani che altrimenti daremmo per scontati.

Una scusa in più per disegnare.

Come i grandi pittori dell’espressionismo francese, an plein air.

Ed è stato talmente divertente che abbiamo fatto anche un Vlog.
Ma non il solito video… No.

Questo è più immerso ancora… è un Vlog 2.0…. Questo è un Vlog 360.