BIG GAMES NIGHT

In BigLife
Scroll this

Cosa hanno in comune 180 persone venute da ogni parte di Italia?

Più cose di quante possa sembrare, ma una in particolare è la passione per i video (e non solo) giochi.

Giocare piace a tutti, anche a chi non ha mai avuto un GameBoy tra le mani o non sa quali siano davvero le regole del gioco dell’oca.

Così nascono le Game Night.

Serate interamente dedicate al mondo dei videogiochi, per pc, per console, next gen o portatili, arcade o multiplayer, picchiaduro o survival per cabinati ma anche giochi da tavolo.

Tantissimi e di diverso genere.

Alcuni sono mega quizzone sul cinema, altri sui meme, in alcuni devi costruire mostri dall’aspetto bizzarro o immergerti in prima persona in un mondo fantasy ed impersonare lo scagnozzo combina guai di un Oscuro Signore.

Non mancano ovviamente i più classici, come Risiko, in cui ci si diverte sempre a “tentare di conquistare il mondo!”.

E dal lato videogame la lista potrebbe essere lunghissima.

Competitive a League of Legends, sfide a colpi di cheat su Team Fortress 2, tornei agguerritissimi di Smash Bross Ultimate, gare di velocità a Mario Kart, tifo sfegatato per le partite su Fifa e qualche FPS ultra mega tecnologico fantasy futuristico spaziale che non guasta mai.

E poi ancora la GameRoom con RedRum, il gioco dei RED 32 per un torneo all’ultimo sangue (che qui si calcola in pozioni magiche).

Come da tradizione una vera Game Night ha il suo Dress Code: per partecipare alla serata è obbligatorio indossare un copricapo strano.

Libero spazio alla fantasia.

Che è stata davvero tanta.

Cioè, l’ultima volta che abbiamo visto qualcuno indossare un cono stradale, come fosse un cappello, era Buzz Lightyear che cercava di attraversare la strada… E Toy Story è un cartone.


Ed infine, come se tutta questa sana follia non fosse ancora abbastanza, qualcuno ha ben pensato di organizzare una caccia al tesoro a Gian… Un po per fargliela pagare per tutti i video che gli fa durante il giorno, un po perché è divertente nascondere le cose agli altri.

Insomma la serata perfetta per 180 persone provenienti da parti diverse di Italia, che in comune hanno la cosa più bella di tutte:

Essere NERD.

Ed esserne fieri.