Monument Valley e Photoshop

Scroll this

Reduci da una più che intensa prima settimana, tra razzetti, prime consegne e le tanto amate UV, i ragazzi del master CG si addentrano sempre più in quello che è il mondo della computer grafica, a piccoli passi.. partendo dalle basi.

Inizia così la loro seconda settimana, il primo modulo di training, fatto di graph editor, squash e stretch, livelli di photoshop, maschere, magic wand, fill content aware, spot healing brush e di piccoli “castelli” ispirati a Monument Valley, un coloratissimo puzzle game isometrico per smartphone caratterizzato da uno stile grafico piuttosto affascinante.

Primo modulo significa anche prime responsabilità, prime vere e proprie crisi, ma anche prime consapevolezze che in fondo in fondo nulla è davvero impossibile e che insieme possiamo arrivare ovunque!

Insieme.

Si perché dopo una intera giornata di lezione e piccole esercitazioni, quando arrivano le 16.30 inizia la fase della giornata più importante, quella che ci piace definire “laboratorio”. 
I prof abbandonano la classe e lasciano sperimentare gli studenti sui loro progetti, assegnando piccoli task giornalieri sulla base di quello che è stato spiegato a lezione.

Quello è il momento in cui capisci davvero di aver imparato qualcosa, quando hai davanti a te un foglio bianco e devi iniziare a creare roba, a mettere in pratica tutto quello che hai appreso. 

La cosa bella?

Vicino a te i tuoi compagni di classe.

Loro sono la soluzione ai tuoi problemi e tu sei la soluzione ai loro. 
Un “do ut des” che sta alla base di qualsiasi produzione piccola, media o grande che sia. Il cosiddetto teambuilding.

Questo è il momento più bello della giornata, quello in cui si fa amicizia.